Home  >  Energit time  >  Quanto costa un pannello solare?

Quanto costa un pannello solare?

da Redazione | 08 Settembre 2020

Un impianto fotovoltaico è una soluzione ottimale per risparmiare energia che assicura una riduzione dei consumi ed un taglio notevole delle spese in bolletta.

Grazie alla riduzione dei prezzi dei pannelli solari sempre più famiglie e aziende negli ultimi anni hanno scelto di installarli per abbattere i costi, questo grazie anche agli incentivi fiscali con cui è possibile recuperare l’investimento iniziale.

Tuttavia i costi di un impianto fotovoltaico si rapportano a diversi fattori, m, prima di analizzare quanto costa un pannello solare in rapporto alle variabili, apriamo una piccola parentesi per capire di che cosa si tratta e come funziona un impianto fotovoltaico.

Impianto fotovoltaico: che cos’è e come funziona

Per impianto fotovoltaico si intende un sistema di produzione di energia pulita che funziona sfruttando i moduli dei pannelli solari, attraverso i quali avviene la conversione delle radiazioni solari in corrente continua.

Se dotato di un inverter, questo apparecchio è in grado di trasformare la corrente continua in alternata per uso domestico, mentre la presenza di un contatore bidirezionale può consentire di collegare l’impianto sia al quadro elettrico della casa che alla rete elettrica nazionale.

Un impianto fotovoltaico può essere installato a terra ossia direttamente sul terreno per permettere una corretta inclinazione dei pannelli o a isola, ovvero senza nessun allaccio alla rete elettrica.

Se la prima soluzione rende il funzionamento dell’impianto piuttosto dispendioso, la seconda tipologia di impianti, detta anche “stand alone” o “off-gride” offre, invece, un buon risparmio consumando esclusivamente l’energia autoprodotta.

In questo caso è d’obbligo l’installazione nell’impianto di batterie di accumulo per immagazzinare l’energia prodotta durante il giorno e garantirne il consumo nelle ore notturne così da ridurre i costi della bolletta.

Ovviamente i prezzi di questa tipologia di impianto saranno rapportati a quelli delle batterie, che variano in base a potenza e capacità di accumulo.

I costi per le installazioni fatte sul terreno variano in genere dai 100€ ai 120€ per ogni kW, cifra che esclude i costi di IVA e trasporto.

Vediamo ora nel dettaglio quali sono gli altri costi di investimento iniziale di un fotovoltaico e quanto costa un pannello solare in base a dimensioni e tipologia dell’impianto.

Quanto costa un pannello solare: fattori e variabili da analizzare

In linea di massima il costo iniziale di un impianto fotovoltaico da 3 kW è di circa 6.000€, mentre per quello da 6kW la cifra sale a 12.000€.

Per installare un impianto standard da 3 kW è necessario calcolare una spesa di circa 300€ per ogni kW, a cui si aggiungeranno i costi delle pratiche burocratiche e amministrative di autorizzazione, quelle per ottenere gli incentivi e la connessione alla rete elettrica.

Sui costi di installazione gravano le spese necessarie per i materiali, quali pannelli, strutture di sostegno, inverter e batterie nei sistemi di accumulo, oltre a quelli professionali per la manodopera.

I costi di un impianto fotovoltaico variano sensibilmente in base ad alcuni fattori primari come:

Dimensioni dell’impianto

In base alle dimensioni dell’impianto varia anche la sua potenza, legata al numero di pannelli installati.

In un impianto standard da 3kw sono necessari circa 10 o 12 pannelli solari, la cui potenza complessiva determina quello dell’intero apparecchio e dunque un dispendio energetico più o meno importante.

Ecco perché qualità, materiali, numero e prezzi dei pannelli solari sono da valutare attentamente insieme alle dimensioni dell’impianto per determinarne i costi.

Numero di componenti della famiglia

Il costo di un impianto fotovoltaico varia sensibilmente al numero dei componenti del nucleo familiare, oscillando dai 2000€ ai 4000€ per famiglie composte da 2 o 3 persone il cui consumo si aggira intorno ai 3000 kWh o 3500 kWh, mentre le cifre salgono fino a 9000€ per nuclei costituiti da 4 persone con un consumo medio di 4000 kWh annui.

Per famiglie di cinque o sei persone i costi di installazione del fotovoltaico, a cui si aggiungeranno quelli di manodopera e manutenzione, si aggirano dai 9.000€ agli 11.000€ per consumi anni di 4.500-5000 kWh.

Spazio a disposizione

Prima di acquistare i pannelli solari è indispensabile valutare lo spazio a disposizione sul tetto o sul terreno, poiché la loro collocazione può influenzare notevolmente i costi.

Per un pannello solare di dimensione standard, ossia pari a 1,5 mq, è necessario un’area di 27 mq, ma in presenza di superfici di dimensioni più ridotte sarà possibile installarne una quantità inferiore e soddisfare ugualmente il fabbisogno domestico.

Tipologia dei pannelli

La tipologia dei pannelli solari, oltre a grandezza e potenza, incidono notevolmente sui costi dell’impianto, in commercio ne esistono principalmente tre:

  • Celle solari in silicio monocristallino
  • Celle solari in silicio policristallino
  • Celle solari a film sottile

Le prime due categorie di pannelli, derivanti entrambe dal cristallo, assicurano una maggiore efficienza, sebbene i monocristallini abbiano un costo leggermente più alto (85€ contro 70€) rispetto a quelli policristallini.

I pannelli solari a film sottile, invece, costano il 20% in meno ma hanno senza dubbio una resa molto più bassa.

I pannelli solari si possono classificare, per caratteristiche e funzionamento in tre categorie principali:

  • Pannelli solari fotovoltaici in silicio per la produzione di energia elettrica.
  • Pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria tramite energia termica. Essi possono essere a circolazione naturale o forzata, con costi che si aggirano, nel primo caso, intorno ai 2.500€ e nel secondo caso intorno ai 500€ a fronte di una migliore resa.
  • Pannelli solari a concentrazione. Molto simile al solare termico quello a concentrazione se ne discosta perché in grado di produrre energia termica per l’acqua calda e canalizzarla verso un collettore senza che il sole batta direttamente sulle celle.

Questa tipologia di pannelli è tipica di molti impianti industriali in quanto permette di riscaldare l’acqua fino a 600° C e produrre vapore.

Un pannello fotovoltaico tradizionale ha costi che si oscillano tra i 5000€ e i 9.000€, mentre per il solare termico classico si spende dai 1.500€ ai 3000€ al metro quadro.

Per quanto riguarda, invece i pannelli solari a concentrazione il prezzo varia a seconda della superficie e della destinazione d’uso dell’impianto, i cui costi oscillano in genere tra i 1500 e i 1700€ a kW.

Quanto costa un pannello solare: gli incentivi fiscali

I costi di acquisto e installazione dei pannelli solari possono essere ammortizzati con una notevole riduzione dei costi in bolletta, a fronte di una spesa minima necessaria per la manutenzione dell’impianto.

Le spese sostenute possono essere recuperate anche grazie alle detrazioni fiscali concesse dallo stato, che permette di beneficiare di aliquote fino al 65% delle spese sostenute per sostituzione di vecchi impianti con apparecchi a risparmio energetico fino ad un massimo di 60.000€.

Le detrazioni sulla quota Irpef o Irap da versare sono riconosciute sull’acquisto e la messa in opera di pannelli solari per uso domestico o industriale, a patto che i lavori vengano effettuati su edifici preesistenti e non su nuove costruzioni.

Chi possiede un impianto fotovoltaico può, inoltre, beneficiare dello scambio sul posto, una formula con cui il GSE (Gestore Servizi Energetici) permette al titolare di recuperare una buona percentuale di energia autoprodotta e non consumata ma immessa in rete.

L’investimento è reso, inoltre, ancor più conveniente dall’applicazione dell’iva agevolata al 10% sul prezzo di acquisto dell’impianto fotovoltaico.

Per beneficiare delle detrazioni fiscali sui pannelli solari è necessario inoltrare domanda all’ENEA per via telematica, presentando e conservando per eventuali verifiche i seguenti documenti:

  • Asseverazione di un tecnico abilitato o dichiarazione del direttore dei lavori.
  • Attestazione di un corso di formazione specifico in caso di autocostruzione dei pannelli.
  • Ape o certificazione energetica dell’edificio, rilasciata da un Ente locale o da professionista abilitato.

Tutta la documentazione dovrà essere inviata entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori.

 

Pin It on Pinterest