Consuma di più la luce calda o fredda?

Consuma di più luce calda o fredda? Lampadine

da Redazione | 17 Giugno 2024

Nell’era della crescente attenzione all’ambiente, la scelta dell’illuminazione assume un ruolo fondamentale. Un dilemma comune che spesso si presenta è: consuma di più la luce calda o fredda? La risposta, come spesso accade, non è così semplice e richiede un’analisi approfondita che va oltre le apparenze.

Il consumo dipende dalla tecnologia, non dalla temperatura. Sfatiamo il mito in questa breve guida.

Luce calda vs luce fredda: pro e contro

La luce calda (2700K – 3000K) crea un’atmosfera accogliente e rilassante: è ideale per creare un ambiente confortevole e favorire il sonno, il relax e la sensazione di benessere.

Inoltre, riduce l’affaticamento visivo. Essendo, infatti, meno intensa e affaticante per gli occhi, è perfetta per la lettura, la visione di film o la creazione di un’atmosfera intima.

Infine migliora la qualità del sonno aiutando a regolare i ritmi circadiani, favorendo un sonno più profondo e ristoratore ed esalta i colori caldi, intensificando le tonalità rosse, arancioni e gialle, creando un’atmosfera calda e invitante.

Presenta però anche alcuni svantaggi tra cui una minore resa cromatica. La luce calda può alterare leggermente la resa dei colori freddi, come il blu e il verde, rendendoli meno vivaci. Inoltre, riduce la concentrazione e la produttività visto il suo effetto calmante non ideale per ambienti di lavoro o studio che richiedono concentrazione e attenzione.

La luce fredda (5000K – 6500K) riproduce fedelmente tutti i colori dello spettro visibile, ideale per ambienti dove è importante una visione precisa dei dettagli, come cucine, studi d’arte od officine. Al contrario della luce calda aumenta la concentrazione e la produttività favorendo la concentrazione e l’attenzione.

La luce fredda, infine, illumina meglio gli ambienti e aumenta la visibilità, questo fattore la rende ideale per zone di lavoro o studio.

I contro esistono anche in questo caso: la luce fredda crea un’atmosfera impersonale, un ambiente asettico e poco accogliente, non adatto per zone relax o camere da letto.

Essendo più intensa tende ad affaticare maggiormente la vista, soprattutto se utilizzata per lunghi periodi e a interferire con la produzione di melatonina, l’ormone del sonno, disturbando il riposo notturno.

Luce calda o fredda: quello che devi sapere

Consuma di più la luce calda o fredda? La temperatura della luce (calda o fredda) non influenza direttamente il consumo energetico. A parità di tecnologia e luminosità, una lampadina consumerà la stessa quantità di energia indipendentemente dalla tonalità della luce emessa.

La vera chiave per comprendere il consumo energetico risiede nella tecnologia della lampadina stessa: le lampadine tradizionali a incandescenza, diffuse in passato, erano grandi consumatrici di energia, indipendentemente dalla temperatura della luce.

Al contrario, le moderne lampadine a LED e a basso consumo, disponibili in diverse tonalità di luce, vantano un’efficienza energetica nettamente superiore, garantendo un minor consumo a parità di luminosità.

Le diverse tecnologie di lampadine

Come già accennato esistono diverse tecnologie di lampadine:

  • Lampadine a incandescenza: la tecnologia più datata, caratterizzata da un alto consumo energetico (fino a 100 Watt per 700 lumen) e una bassa efficienza luminosa (solo il 10% dell’energia viene convertita in luce, il restante in calore). Emettono luce calda, piacevole per creare atmosfere rilassanti, ma con un impatto significativo sulla bolletta energetica e sull’ambiente.
  • Lampadine a basso consumo: una tecnologia più efficiente rispetto alle incandescenza, con un minor consumo energetico (circa 20 Watt per 700 lumen) e una maggiore durata (fino a 15.000 ore). Disponibili in diverse temperature di luce, rappresentano un buon compromesso tra risparmio ed efficienza.
  • Lampadine a LED: la tecnologia più avanzata in termini di efficienza energetica. Consumano pochissima energia (circa 7 Watt per 700 lumen), durano a lungo (fino a 50.000 ore) e offrono un’ampia gamma di temperature di luce. Ideali per chi cerca il massimo risparmio, una resa luminosa ottimale e un minore impatto ambientale.

Come scegliere la lampadina giusta

La scelta della lampadina ideale dipende da diversi fattori:

  • Consumo energetico: se l’obiettivo è il risparmio in bolletta e la riduzione dell’impatto ambientale, le lampadine a LED sono la scelta indiscutibile.
  • Durata: le lampadine a LED durano significativamente più a lungo rispetto alle altre tecnologie, riducendo la necessità di frequenti sostituzioni.
  • Luminosità: valutare la quantità di luce necessaria per l’ambiente, scegliendo la giusta potenza in Watt. A titolo esemplificativo, per una stanza di 10 mq sono consigliati circa 100 Watt di luce totale.
  • Resa cromatica: la capacità di riprodurre i colori in modo fedele è importante in alcuni ambienti, come cucine o studi d’arte.
  • Temperatura di luce: la scelta tra luce calda o fredda dipende dall’atmosfera desiderata nell’ambiente.
  • Costo iniziale: alcune lampadine hanno un costo iniziale più alto rispetto alle altre, ma il risparmio in bolletta nel lungo periodo le rende un investimento vantaggioso.

In definitiva, la scelta della giusta tecnologia di lampadina non è solo una questione di gusto, ma una scelta consapevole che può contribuire a risparmiare denaro, ridurre l’impatto ambientale e migliorare la qualità della luce nei nostri ambienti.

Scegliete Energit e fate la vostra scelta per un’energia efficiente, conveniente e sostenibile!

Pin It on Pinterest