HomeEnergit timeQuali sono le energie alternative più promettenti per il futuro?

Quali sono le energie alternative più promettenti per il futuro?

da Redazione | 15 Ottobre 2019

Negli ultimi anni il panorama energetico mondiale sta vivendo un’importante transizione segnata del sempre più rapido declino dei combustibili fossili, che finora hanno fornito circa l’87% del consumo energetico mondiale.

Se da una parte, infatti, gli investimenti in questo settore risultano ormai in calo, dall’altra prende piede una nuova inversione di tendenza in cui le cosiddette energie alternative si impongono come protagoniste dello scenario energetico in tutto il mondo.

Alla diminuzione degli investimenti concorrono senz’altro le nuove consapevolezze dei maggiori leader mondiali, che a fronte dell’impennata dei prezzi dei combustibili fossili, iniziano a scorgere nelle fonti rinnovabili un nuovo interessante business, capace di soddisfare il 50% del fabbisogno energetico mondiale.

Da un lato, dunque, assistiamo ad un vero e proprio declino del carbone, destinato a coprire nel 2050 soltanto un 5% della capacità installata a livello mondiale.

Dall’altro lato si definisce un sempre crescente esaurimento delle risorse di petrolio, che porterà in meno di un secolo alla totale estinzione dei pozzi petroliferi.

Fortunatamente lo sviluppo dei sistemi di stoccaggio di energia è destinato a rivoluzionare questo settore e il peso sempre più crescente delle energie rinnovabili, che dal 40% attuale è destinato ad aumentare fino al 90% nel 2050, sembra potersi innalzare nel nostro Paese fino al 98%.

Energie rinnovabili del futuro: studi e ricerche

Studi e ricerche confermano questi dati e gli esperti sostengono che entro il 2035 le energie rinnovabili saranno in grado di fornire circa il 25% dell’energia mondiale.

Secondo l’Aie (Agenzia Internazionale dell’Energia) entro il 2040 il 40% della domanda di energia sarà soddisfatta dalle energie rinnovabili, in particolare da quella eolica e solare, il cui peso va di pari passo all’innovazione tecnologica e all’efficienza produttiva.

Uno studio condotto dalle Università di Standford, Berlino, Berkeley e Aarhus ha dimostrato che i 130 paesi, Italia inclusa, potenzialmente destinati ad essere 100% rinnovabili entro il 2050, potrebbero conseguire già l’80% di questi risultati entro il 2030, se alimentati esclusivamente con fonti rinnovabili.

Anche gli studi di Bloomerg New Energy Finance (Bnef), condotti nel 2018, avrebbero confermato il boom delle fonti rinnovabili degli ultimi anni, affermando che l’energia verde arriverà entro il 2050 a soddisfare il 50% della domanda elettrica mondiale grazie ai sistemi eolici e agli impianti fotovoltaici ma soprattutto per mezzo dei sistemi di accumulo.

Il rapporto del Bnef evidenzia come le energie rinnovabili si stiano espandendo in alcuni paesi in modo molto più incisivo rispetto ad altri, tra questi l’Australia, in cui a breve il fotovoltaico e le batterie rappresenteranno più del 40% della capacità totale e la Germania, dove le rinnovabili arriveranno entro il 2025 a coprire il 70% della produzione.

Quali sono le energie alternative del futuro

La nuova inversione di tendenza del settore energetico è segnata dalla crescita del gas naturale e dell’elettricità, destinata ad affermarsi in misura sempre maggiore sia nel settore della mobilità che in quello del riscaldamento e raffreddamento degli ambienti.

A fronte di un calo degli investimenti nel carbone, considerato ormai dalla maggior parte dei Paesi una fonte dannosa per l’ambiente e poco produttiva in termini economici, fanno capolino nuove fonti energetiche alternative, destinate a diventare protagoniste nei prossimi anni, ecco quali sono.

Energia cinetica

Questa nuova forma di energia proviene dal movimento degli esseri umani.

In futuro si prevede che tale fonte di energia rinnovabile venga sempre più utilizzata in palestre e centri commerciali, dove pavimenti attrezzati saranno interamente attivati grazie all’energia proveniente dalla camminata delle persone.

Energia delle centrali a idrogeno

Le centrali a idrogeno oggi utilizzano un sistema ibrido per produrre energia elettrica, costituito sia dai combustibili fossili che da quelli rinnovabili.

Nei prossimi anni si prevede una totale eliminazione dello sfruttamento delle fonti non rinnovabili per produrre idrogeno esclusivamente attraverso energia solare.

Energia mareomotrice

Tra le energie alternative più promettenti per il futuro guadagna sempre più posizioni l’energia prodotta dalla forza delle maree, capace di generare energia elettrica attraverso un sistema a turbine.

Bioenergia

Si tratta dell’energia prodotta dagli scarti degli organismi biologici ma anche dai biocombustibili quali etanolo e bio-diesel.

Energia geotermica

Questa forma di energia prodotta dal nucleo della terra è destinata a durare più a lungo di tutti i combustibili fossili, arrivando a soddisfare quote sempre più importanti del fabbisogno energetico nazionale.

Energia solare

Tra le energie rinnovabili del futuro quella prodotta dai raggi solari sta subendo una crescita esponenziale, che la renderà una fonte energetica essenziale per la produzione di energia elettrica, a basso impatto ambientale e a basso costo.

Energia idroelettrica

Una delle fonti energetiche più efficienti e pulite è l’energia idroelettrica, prodotta dai corsi d’acqua e ormai talmente utilizzata da coprire più del 70% del fabbisogno energetico di molti paesi.

Energia eolica

Tra le forme di energie alternative del futuro troviamo infine quella eolica, destinata ad affermarsi in modo sempre più incisivo soprattutto in Europa.

Una sfida impegnativa quella delle rinnovabili, a cui ognuno di noi deve prendere parte per un mondo più pulito.

Pin It on Pinterest