HomeEnergit timeQuanto consuma un frigorifero?

Quanto consuma un frigorifero?

da Redazione | 19 Aprile 2019

Sapevi che i frigoriferi possono incidere fino al 15-20% sulla bolletta elettrica della tua casa?

Di fatto, il frigorifero è uno degli apparecchi più energivori tra tutti i tuoi elettrodomestici in quanto funziona costantemente, 24 ore al giorno e 365 giorni all’anno.

Vediamo nel dettaglio quanto consuma un frigorifero e come intervenire per ridurre i consumi elettrici e risparmiare in bolletta.

Quanto consuma un frigorifero: i fattori per misurarlo

Un frigorifero in funziona 24 ore su 24 consuma mediamente dai 100 ai 240 W/h ma ciò che maggiormente influenza i costi in bolletta legati all’uso di questo elettrodomestico sono la sua classe energetica e l’età.

Per verificare quanto consuma un frigorifero in base alla classe di efficienza energetica è indispensabile consultare l’etichetta riportata sull’elettrodomestico, dove saranno riportare anche i watt consumati in un anno.

Gli elettrodomestici in classe A si classificano come i più efficienti in termini energetici, con un consumo che può variare dai 166 kWh annui per quelli in classe A+++ ai 344 kWh dei frigoriferi in classe A+, ipotizzando una spesa di 0,20€ per 1 kWh.

Le classi A e B consumano dai 300 ai 400 kWh all’anno con una spesa che oscilla dai 60 agli 80€ annui, mentre la classe G risulta essere la meno efficiente in termini energetici con consumi che possono superare anche i 700 kWh per una spesa annua di 150€.

Oltre alla classe energetica e l’età, gli altri fattori da cui dipendono i consumi elettrici di un frigorifero sono:

Dimensioni

Un frigorifero di grandi dimensioni ed elevata capienza consuma di più rispetto ai modelli più piccoli, soprattutto se non è adeguato al reale fabbisogno domestico.

Capacità di raffreddamento

Un dispositivo efficiente deve essere dotato di una buona capacità di raffreddare correttamente i cibi, evitando inutili dispersioni di calore per ottimizzare i consumi senza cali di prestazioni.

Posizione

Per ridurre i consumi di un frigorifero è indispensabile individuarne la corretta posizione collocandolo lontano da fonti di calore e dal muro per evitare inutili perdite di efficienza, evitando al tempo stesso di aprirlo e chiuderlo in continuazione per risparmiare sui consumi.

Stabilità di temperatura

Mantenere la temperatura interna costante è uno dei requisiti fondamentali per non compromettere l’efficienza del frigorifero anche in presenza di condizioni climatiche esterne variabili.

Lo sbalzo termico della stagione estiva è maggiore, pertanto il caldo incide negativamente sui consumi del frigorifero.

Risparmiare con il frigorifero: alcuni consigli utili

Ecco alcuni accorgimenti che ti permetteranno di utilizzare al meglio il tuo frigorifero per renderlo più efficiente e garantirti un buon risparmio.

Conserva i cibi con cura

Il modo in cui conservi il cibo nel tuo frigorifero può influenzare la quantità di energia che viene consumata.

Fai attenzione al modo in cui posizioni gli alimenti all’interno dei vari scomparti per garantire al tuo apparecchio la massima efficienza energetica: un sovraccarico di alimenti sui ripiani del tuo frigorifero può renderlo meno efficiente, riducendo il flusso d’aria e causando accumulo di brina.

Il ghiaccio rende più difficile mantenere una temperatura costante: assicurati di non posizionare oggetti alti o voluminosi davanti alle prese d’aria.

Cerca dunque di ridurre la quantità di articoli sul ripiano superiore del tuo frigorifero, in particolare oggetti di grandi dimensioni, scatole di cibo o piatti da portata, che potrebbero intrappolare il calore all’interno dell’unità, costringendolo a lavorare di più e soprattutto a consumare molta più energia.

Esegui una corretta manutenzione

Mantenere pulito il tuo frigorifero ti aiuterà a renderlo più efficiente e a risparmiare energia.

Controlla che le bobine siano prive di polvere per garantire un flusso d’aria migliore e permettere al compressore di lavorare meno.

Per assicurarti che siano adeguatamente pulite, utilizza un pennello a setole economico, ti permetterà di rimuovere facilmente lo sporco e prevenirne l’accumulo che influisce sulle prestazioni dell’unità.

Preoccupati di sbrinare regolarmente il congelatore per evitare di ridurre l’efficienza energetica dell’unità, accertati inoltre che non vi siano perdite d’aria e che le guarnizioni siano perfettamente sigillate.

La guarnizione in gomma sulla porta, infatti, protegge il tuo frigorifero da indesiderate fuoriuscite di aria: con il passare degli anni può indebolirsi o rompersi, costringendo la tua unità ad un sovraccarico di lavoro per preservare gli alimenti, che corrisponde ad un eccessivo spreco di energia e dunque a bollette più salate.

Assicurati, infine, che il compressore che regola l’aria fredda all’interno dell’apparecchio funzioni correttamente: un malfunzionamento potrebbe essere la principale causa di un consumo energetico troppo elevato.

Non conservare il cibo ancora caldo

Anche i più piccoli dettagli possono farti risparmiare una grande quantità di energia e ridurre i costi della bolletta.

Evita di conservare gli alimenti ancora caldi all’interno del frigo per ridurre la dispersione di calore al suo interno.

E’ consigliabile mantenere i liquidi coperti e avvolgere correttamente gli alimenti in un involucro protettivo o in un contenitore ermetico prima di posizionarli nei vari scomparti del tuo frigorifero.

Non solo i cibi scoperti si asciugheranno e perderanno il gusto, ma l’umidità da essi rilasciata causerà un sovraccarico di lavoro al compressore, generando un dispendio energetico molto elevato.

Imposta la temperatura corretta

Mantenere la temperatura eccessivamente bassa del frigorifero o del congelatore genera un eccessivo consumo di energia elettrica. Per minimizzare i costi energetici, il frigorifero dovrebbe lavorare ad una temperatura ideale compresa tra i 3° e i 5°C, il congelatore tra -18° e -15°C.

Ogni grado di raffreddamento in più aumenta il consumo di energia elettrica del 6%.

Regolare la temperatura nel modo corretto ti aiuterà a risparmiare, ti basterà attendere ventiquattro ore per rendere effettivi gli aggiornamenti dei gradi.

Scegli una posizione strategica

Posizionare il frigorifero strategicamente può permetterti di massimizzare il suo utilizzo.

Accertati che vi sia un flusso d’aria adeguato attorno al frigorifero per aiutarlo a funzionare in modo più efficiente.

Se scegli di posizionare il tuo elettrodomestico tra i mobili, verifica che nessun elemento attorno all’unità ne ostacoli il flusso d’aria.

Al fine di mantenere il cibo alla temperatura ideale, preoccupati di tenere il frigorifero lontano da stufe, forni o finestre: il calore generato dal sole o dagli apparecchi di cottura può far sì che il tuo apparecchio impieghi molta più energia per mantenere la temperatura e ridurne anche la durata di vita.

Leggi l’etichetta energetica

Se intendi sostituire il tuo vecchio frigorifero con un nuovo modello, fai attenzione all’etichetta energetica “Energy Star” in fase di acquisto, ti consentirà di scegliere gli apparecchi più efficienti in base alla classe energetica di appartenenza.

Orientati verso i modelli in classe A, certificati per avere un consumo energetico minimo e in grado di ridurre fino al 25% dei costi in bolletta.

Tra questi prediligi i frigoriferi combinati ossia dotati anche di un reparto di congelamento o quelli definiti “no frost”, che si distinguono per l’ottima resa energetica.

Ricorda inoltre di acquistare un frigorifero delle giuste dimensioni: un modello eccessivamente spazioso per un nucleo familiare di piccole dimensioni richiederà un tempo maggiore di raffreddamento, generando un eccessivo consumo di energia.

Il miglior frigorifero è quello che soddisfa le tue esigenze mantenendo l’efficienza energetica della tua casa: la riduzione dei consumi superflui e dei prezzi rappresentano la mission di Energit, scopri tutte le soluzioni che abbiamo pensato per il tuo risparmio.

Pin It on Pinterest